Verrò a chiedervi del vostro amore

Nel costante monologo della nostra mente solo un sentimento è sempre protagonista. Spesso, però, non è ciò che pensiamo che sia. Scrivo questo articolo per indagare l’amore, per seguirne le tracce e il percorso. Per parlarvi di ciò che io reputo Amore e di ciò che, invece, è soltanto una triste bugia. Per me, essoContinua a leggere “Verrò a chiedervi del vostro amore”

L’importanza dell’entusiasmo

Tante persone fanno tante cose. Ma quante di queste vengono fatte con entusiasmo? Etimologicamente parlando, questa parola significa essere ispirato o appassionato. Quindi potremmo dire che mettere entusiasmo in ciò che facciamo voglia dire metterci passione. Facciamo subito qualche esempio pratico. Ti sarà capitato di dover studiare una materia o un argomento che proprio nonContinua a leggere “L’importanza dell’entusiasmo”

Le controindicazioni di non conoscersi e la doppia faccia del rassicurante sogno borghese

Quante volte avete sentito dire dagli adulti che quelli della gioventù sono gli anni più belli della vostra vita, che passeranno velocemente e che dopo sarà tutto più difficile, tutto meno bello? Non so voi, ma io più che provare paura per queste affermazioni ho spesso provato tanta rabbia. Mi è sempre sembrato un inutileContinua a leggere “Le controindicazioni di non conoscersi e la doppia faccia del rassicurante sogno borghese”

L’epoca dei successi

Ci troviamo di fronte a un’epoca piuttosto complicata da gestire. Da qualsiasi parte ci giriamo vediamo persone che hanno più soldi, che hanno più follower, più mi piace, più seguito, più influenza ecc… Dopotutto non è una cosa così nuova. Da sempre vediamo intorno a noi qualcuno che in una cosa o nell’altra ha diContinua a leggere “L’epoca dei successi”

Il problema di generalizzare

Quanto spesso finiamo per generalizzare? Partiamo da un problema piccolo e finiamo per spalmarlo su tutto. Questa è una cosa che la maggior parte delle volte facciamo involontariamente. Quando qualcosa va male per esempio, tendiamo a pensare che tutto vada male, perdendo di vista invece ciò che va bene e ci ha reso felici finoContinua a leggere “Il problema di generalizzare”

Arrivederci ragazzi (i falsi negativi di una pandemia esistenziale)

Ristoratori, partite iva, liberi professionisti, agenzie di viaggio: sono pochi coloro che la pandemia non ha colpito. Eppure c’è un’altra categoria, a volte raccontata, spesso no, che ha sofferto e che tutt’ora soffre. I suoi disagi vengono trattati solo con l’intenzione di apparire attenti e alternativi, anche per cambiare un po’ la banale narrazione economico-socialeContinua a leggere “Arrivederci ragazzi (i falsi negativi di una pandemia esistenziale)”

Cercare nuove cose o Cambiare il punto di vista

Questo è un dubbio che mi pongo spesso. Quando mi trovo in un periodo in cui non sono soddisfatto di ciò che sto facendo e voglio cambiare qualcosa, la prima tentazione è quella di cercare altro da fare. In parte è la via più facile, che richiede uno sforzo per il senso stesso del cambiamento,Continua a leggere “Cercare nuove cose o Cambiare il punto di vista”

“Ho imparato ad ascoltarmi”, sull’overthinking e la guerra testa e cuore.

Quante volte abbiamo sentito questa frase? “Ho imparato ad ascoltare i miei bisogni”. Soprattutto, quante volte abbiamo fatto finta di capire cosa significasse, solo per non riuscirci e pensare che chi la pronunciava avesse avuto troppo a che fare con comunità hippie? Sarò onesto: a me è capitato. Non capivo cosa volesse dire, perché fosseContinua a leggere ““Ho imparato ad ascoltarmi”, sull’overthinking e la guerra testa e cuore.”

La paura, la comfort zone e il coraggio di saltare nel buio

Per me la paura è sempre nata dall’ignoto, da ciò che non avevo già toccato con mano, da ciò che non avevo già visto. Ma perché? Da cosa nasce la paura, mi chiedo? Essa, per me, si è spesso generata con l’idea di perdere il controllo. La sola idea di non avere padronanza su unaContinua a leggere “La paura, la comfort zone e il coraggio di saltare nel buio”

Tre non-pillole di felicità

Cosa fare quando si è tristi? Come aiutarsi? Ecco alcune cose che ho imparato essere molto utili, che non coinvolgono né psicologi né psicofarmaci. Quindi insomma, piccoli aiuti alla portata di tutti, che possono essere risolutivi per momenti di leggero malessere quanto degni alleati alla lotta contro una tristezza più grande. Tenere un diario: questaContinua a leggere “Tre non-pillole di felicità”